Come possiamo aiutarti?

Trova rapidamente le risposte alle tue domande

Trova l'aiuto che stavi cercando!

Ultimi articoli inseriti

  • Lettere di sollecito in lingua estera


    E' possibile procedere alla generazione delle lettere di sollecito in lingue diverse 


    Nel programma “Tabella dei testi vari” -  Commerciale\Tabelle e anagrafica articoli\Tabelle comuni\Testi vari - è stata aggiunto il campo per la specifica della lingua nella quale verrà gestito il testo.


    I codici lingua ammissibili sono quelli che sono stati preventivamente attivati nel programma “Parametri di magazzino” (Commerciale\Tabelle e anagrafica articoli\Tabelle e parametri di magazzino\Parametri di magazzino).


    In questo modo quando in fase di inserimento dei testi l’operatore seleziona l’indicatore utilizzato per la creazione del testo di testata e di piede del sollecito (Tipo testo: “Testata della comunicazione per sollecito di pagamento” e “Piede della comunicazione per sollecito di pagamento”) avrà la possibilità di caricare il medesimo codice testo/lettere espresso in più lingue.

    A seguito di questa modifica, tutti gli attuali testi saranno convertiti con il codice lingua a “Blank” che esprime il testo in lingua italiana.


    Questa implementazione determinerà in sede di elaborazione della "Stampa solleciti di pagamento" - Amministrazione\Portafoglio attivo e passivo\Gestione ed elaborazioni\Stampa solleciti di pagamento - il recupero della lingua associata al cliente/fornitore; sarà verificato dal programma se per quest’ultima esiste un corrispondente testo e lo utilizzerà per la stampa della testata e piede della comunicazione di sollecito di pagamento.

    In mancanza si recupera il testo espresso in lingua italiana.


    Il presente articolo si applica a: Gamma Enterprise/Sprint, Alyante Enterprise/Start



    Leggi tutto

  • Come visualizzare /controllare/stampare i movimenti con competenza infrannuale inclusi nella situazione Economica/Patrimoniale elaborata per Data Competenza

    Simulazione movimenti con Competenze  Infrannuali: permette di elaborare il bilancio per competenza considerando periodi  infrannuali.  La simulazione si attiva solo con la “Situazione economica /patrimoniale “  con Tipo data Competenza , simulazione per competenza infrannuali = Calcola

    Durante la fase di inserimento/variazione delle registrazioni di Prima Nota è possibile inserire per contropartita ,  date di competenza che ricadono nello stesso esercizio contabile.

    Il criterio di elaborazione dei movimenti è quello di considerare le date di competenza inserite nelle righe contabili oltre la data documento  e la data di registrazione.

     

    Il presente articolo si applica a: Gamma Enterprise/Sprint, Alyante Enterprise/Start, versioni 07.00.01.

    Nel folder Allegati  un’esemplificazione della procedura/di quanto trattato.

    *Fonte: TeamSystem, Gamma Enterprise,  presente al paragrafo 2.2.1.7 del Manuale Contabilità Generale Volume1

    Per maggiori approfondimenti, si rimanda al  "Manuale_SituazioneEconomicaPatrimoniale”  presente nei Documenti di rilascio.  

    Leggi tutto

  • Elaborazioni statistiche utilizzando il file .cub

    Elaborazioni statistiche utilizzando il file .cub

    Il programma consente di selezionare la statistica di interesse e di eseguirne l’interrogazione e la stampa, in base ai molteplici parametri di elaborazione previsti per la definizione degli elementi di indagine. Oltre alle statistiche standard previste per impostazione predefinita sulle vendite e sugli acquisti, il programma offre inoltre all’operatore la possibilità di procedere alla creazione di modelli statistici personalizzati, rispondenti ad esigenze di indagine proprie dell’azienda e/o dei singoli operatori. L’esecuzione del programma è in grado di generare un file.cub contenente i dati della statistica elaborata, che può essere elaborato tramite le tabelle pivot dell’Excel al fine di creare visualizzazioni personalizzate dei dati.

    Il programma delle statistiche utilizza la tecnologia OLAP (On Line Analytical Processing) che velocizza la visualizzazione e la navigazione dei dati statistici. L’elaborazione è eseguita utilizzando i “cubi locali” (Pivot Table Services) che si attivano lanciando il file “Ptslite.exe” presente sul cd di installazione del programma Gamma Enterprise, nella cartella “Aggiornamenti/Strumenti”, e che sono gli stessi utilizzati dalla “Tabella pivot” di Microsoft Office 2007. I dati elaborati, oltre ad essere visualizzati all’interno del programma delle statistiche, sono automaticamente salvati in un file con estensione “.cub” e con nome pari al nome della statistica lanciata; il file è sostituito ogni volta che è eseguita la stessa statistica, anche se con limiti diversi. L’elaborazione di una statistica con i cubi attivati determina automaticamente la generazione del file e il suo salvataggio nel seguente percorso “C:\TeamSystem Software\Gamma Enterprise\Temp”, contraddistinto dal nome attribuito alla statistica, ad esempio: “Sintetica a ricavo.cub”. In fase di personalizzazione della statistica, in “Definizione statistica” è tuttavia possibile assegnare sia un percorso diverso e personalizzato al file, sia di determinare se al nome del file deve essere aggiunta la data di elaborazione della statistica ed il nome dell’utente. In tal caso il file sarà ad esempio “Sintetica a ricavo_2009-04-20_TeamSa.cub”. L’importanza di questa procedura è rilevante, in quanto il file.cub può essere utilizzato come sorgente dati per le tabelle o i grafici pivot di Excel, offrendo all’operatore la possibilità di sfruttare tutte le potenzialità di questo programma per la definizione e la creazione di visualizzazioni personalizzate dei dati.

    Per ulteriori dettagli si faccia riferimento al Manuale Commerciale vol. 2

     6.3.1.1 utilizzo del file .cub

    Il presente articolo si applica a: Gamma Enterprise, Alyante Enterprise 

    Per approfondimenti  sulle funzioni operative si consiglia di contattare i Consulenti  Area Alyante 

    Leggi tutto

  • Registrazione in prima nota di un assegno “insoluto”

    Per la registrazione di un assegno insoluto (scoperto) non è possibile utilizzare la causale standard 360, la quale opera esclusivamente su “effetti presentati”.

    Per rilevare il mancato incasso relativo a registrazioni effettuate con le regolari causali di incasso (p.e. 102), è necessario utilizzare delle causali che definiscano puntualmente il tipo effetto della scadenza. Quindi una causale da utilizzare per i mancati incassi di “Rimesse dirette”, di “Bonifici”, ecc.

    Se la causale è definita secondo il criterio del tipo effetto puntuale sopra esposto, la registrazione dell’assegno insoluto/scoperto si effettua con la medesima operatività dell’insoluto relativo a effetti presentati.

     

    Il presente articolo si applica a Gamma Enterprise/Sprint, Alyante Enterprise/Start, in tutte le sue versioni.

    Nei folder allegati: esempio di corrette definizioni di causali per assegni insoluti (ASR per le rimesse dirette e ASB per i bonifici bancari)

    Leggi tutto

  • Utilizzi la piattaforma Near Crm Cloud? ecco l'app per i tuoi clienti

    Con l'App NEAR CRM CLIENTI fai una foto al problema per cui necessiti di assistenza e inviala con UN CLICK allo staff del tuo fornitore. Con l'APP NEAR CLIENTI ricevi assistenza in tempo reale e non dovrai più perdere tempo a controllare la posta elettronica od a fare telefonate. Scansiona il QR Code per o cliccalo per accedere agli store Android e iOS (iPhone)


    GOOGLE PLAY STORE: Near CRM Clienti app mobile per l'assistenza tecnica e il customer care


    APPLE APP STORE: Near CRM Clienti app mobile per l'assistenza tecnica e il customer care


    Dopo aver installato l'App, al primo accesso verrà richiesto di effettuare il login: richiedete l'accesso al Vs fornitore.

    Oltre alla username (un indirizzo mail valido) e password vanno indicati anche il dominio. Anche questa informazione vi deve essere comunicata dal fornitore.. 

    Leggi tutto

  • Adeguamento template fatture elettroniche per dispositivi medici

    Adeguamento template fatture elettroniche per dispositivi medici

     

    La circolare ministeriale, Ministero della Salute DGSISS 0001341-P-19/02/2016, in attuazione dell’art. 9 ter, comma 6, del decreto legge n. 78/2015, convertito con modificazioni nella L. n. 125/2015 – che prevede che le aziende fornitrici di dispositivi medici alle strutture del SSN debbano indicare nelle fatture elettroniche le informazioni identificative dei DM di cui al decreto del Ministero della salute del 21 dicembre 2009 e successiva integrazione effettuata con circolare del Ministero della Salute DGSISS-003251-P-21/04/2016 – ha fornito le opportune indicazioni operative, di seguito riassunte, finalizzate a garantire la corretta applicazione di tale disposizione. Nel caso in cui la fattura elettronica sia riferita a dispositivi medici, nel tracciato della fattura elettronica rappresentato con il blocco , nei campi e andranno riportati i seguenti dati: “DMx”, con x= (0, 1, 2) a seconda del tipo di dispositivo medico oggetto dell’operazione. 1 per “Dispositivo medico o Dispositivo diagnostico in vitro” 2 per “Sistema o kit Assemblato” 0 nel caso in cui non si sia in grado di identificare il numero di repertorio Numero di registrazione attribuito al dispositivo medico nella Banca dati e nel RDM, ai sensi del decreto del Ministero della salute 21 dicembre 2009 (G.U. n. 17/2010) oppure il valore “0” se il numero di Banca dati/Repertorio dei dispositivi medici non è previsto o per i casi in cui il fornitore non è in grado di identificarlo

    Al fine di garantire la copertura funzionale in Gamma Enterprise/Sprint, ALYANTE Enterprise/Start si dovrà procedere con la modifica del comportamento standard del motore di generazione dell’XML effettuando una configurazione personalizzata del template.

    Informazioni per la modifica e riferimenti normativi: I dati relativi ai DM possono essere memorizzate nel gestionale in campi diversi da cliente a cliente e pertanto non sono previsti rilasci sul template standard ed è necessario procedere alla personalizzazione del template nel blocco del nodo padre 2.2.1.3 e relativi nodi figli 2.2.1.3.1 e 2.2.1.3.2.

    Nel folder Allegati un’esemplificazione di quanto trattato.

    Il presente articolo si applica a: Gamma Enterprise, Alyante Enterprise 

    Per approfondimenti  sulle funzioni operative si consiglia di contattare i Consulenti  Area Alyante 

     

    Leggi tutto

  • Il Ciclo di produzione

    Si dice CICLO DI LAVORAZIONE   tutto l’insieme di operazioni necessarie a fabbricare un singolo elemento/articolo  attraverso una successione di processi tecnologici (lavorazioni: fusione, stampaggio, lavorazioni per asportazione, trattamenti termici o superficiali, montaggi etc.)

     

    il Ciclo di lavorazione è l’ insieme ordinato di operazioni che permettono a uno o piu’ pezzi grezzi o semi-lavorati di raggiungere, attraverso passi successivi, una  forma/identità finale.

     

    Il ciclo di lavorazione costituisce una delle attività di pianificazione del processo di produzione che, si rende necessaria soprattutto in ambienti produttivi , nasce dall’ esigenza di tradurre le specifiche del disegno del pezzo in azioni coinvolgenti una serie di decisioni riguardanti in particolare:

     

    • il materiale ed il grezzo di partenza(tipicamente in distinta base/Bom);
    • la scelta del sistema di lavorazione;
    • i parametri di lavorazione;
    • gli utensili e le attrezzature per produrre;
    • la definizione delle sequenze operative che devono essere eseguite per lavorare il grezzo; ecc.

     

    Il Ciclo di produzione  può quindi essere considerato come un documento tecnico, redatto su supporto cartaceo o informatico, contenente una molteplicità di dati relativi alla produzione di un solo particolare o di un lotto di produzione/pezzi.

    Il Ciclo di produzione è uno strumento  utile ad  attività decisionali , aventi come obiettivo la creazione di diverse alternative tra le quali operare una scelta in base  criteri di ottimizzazione della/delle funzioni obiettivo prefissate.

     

    L'esame del disegno del particolare unita all ’esperienza Aziendale e alla politica di produzione adottata  influenzerà tutte le scelte seguenti:

     

    La sequenza delle operazioni/fasi (definizione delle eventuali alternative)

     

    La scelta della sequenza delle operazioni da eseguire è condizionata da diversi fattori , tipicamente nella produzione meccanica si tende a :

     

    1. Raggruppare tutte le operazioni che possono essere eseguite su macchine simili, in

    modo da ridurre al minimo le perdite di tempo dovute al trasporto dei pezzi e per il

    set-up macchina.

     

    1. Evitare il più possibile di ripetere con troppa frequenza il montaggio e lo smontaggio

    dei pezzi, in quanto questa operazione comporta maggiori tempi passivi per il

    bloccaggio e la registrazione.

     

    1. Valutare le operazioni che si rendono indispensabili alla realizzazione delle altre (vincoli/sovrapposizioni/mile stone)

    2. Valutazione quantitativa dei pezzi da produrre per fase, es. all'aumentare del

                 numero di pezzi da lavorare si passa dalle tradizionali macchine tradizionali, a quelle

                 semiautomatiche ed, infine, alle macchine robotizzate, cioè costruite appositamente per la

     lavorazione di un determinato pezzo o si appalta la fase/lavorazione a Terzisti specializzati nell’esecuzione dell’operazione in oggetto.

     

    Nello specifico ogni singola fase dovrebbe prevedere  

    Sulle Fasi Interne : Descrivere “ cosa eseguire” prevedendo la definizione del Reparto/Cdl/macchina, gli utensili / attrezzature da usare, le risorse uomo ( abbinamento uomo/macchina) la definizione dei tempi lavorazione uomo/ macchina legati a produzioni unitarie o lotti di produzione  rispetto a tempi di setup

     

    Sulle Fasi Esterne : Descrivere “ cosa eseguire” prevedendo il Fornitore a cui assegnare la lavorazione ( prevedere eventuali lotti minimi/multipli, prezzi, specifiche etc…)

     

    La Produzione di un Codice Articolo potrebbe avere uno o piu’ cicli di produzione vincolati a momenti del ciclo di vita del prodotto quali

     

    • Ciclo di Campionatura / Prototipo
    • Ciclo diPre-serie
    • Ciclo di Serie

     

    Da  una corretta compilazione di un ciclo di Produzione e distinta base si ottiene

     

    • Preventivazione del costo del prodotto
    • La possibilità di guidare e raccogliere l’avanzamento delle fasi di produzione (monitoraggio degli avanzamenti e scostamenti dal ciclo std)
    • Pianificare le proprie risorse (materiali / macchine /uomo )

     Per approfondimenti  sulle funzioni operative si consiglia di contattare i Consulenti  Area Alyante o

    consultare il Manuale di Produzione Vol.1   Cicli 1.4 

     



    Leggi tutto

  • Colli & Confezioni

    Nella gestione di un articolo è possibile che si renda necessario utilizzare più unità di misura in relazione alle differenti esigenze gestionali.

     individuare diverse categorie di unità di misura:

    • Unità Inventariale (UM1; UM2)
    • Unità di movimentazione COLLI/CONFEZIONI (movimentazioni interne/acquisto/vendita)

    La possibilità da parte del sistema informativo di gestire più unità di misura è di grande importanza in quanto permette l’esecuzione di automatismi attraverso i coefficienti di conversioni, evitando quindi errori da parte degli operatori.

    Le le unità di misura ed i relativi fattori di conversione devono essere  correttamente impostati e  gli operatori devono essere formati sulle procedure di carico e scarico.

    Viionare l'allegato

    Il presente articolo si applica a: Gamma Enterprise, Alyante Enterprise  Rif. Manuale Commerciale Vol. 1     / 1.3.2.18 Confezioni



    Leggi tutto

  • Gestione Iva Quater con nuovo menu ANADITTE 2016

    In allegato flusso operativo per la come inserire correttamente le ditte "Quater" nel nuovo menù di multi  Leggi tutto

  • Inserimento di Ddt in Fattura riepilogativa già generata da Trasformazione documenti

    Può capitare dopo aver generato le fatture riepilogative di accorgersi che un DdT non è stato fatturato. Come possiamo fare per rimediare senza eliminare la fattura e rieseguire la trasformazione?

    Richiamiamo in gestione la fattura dall'Emissione diretta documenti, clicchiamo su Funz.Gen. poi scegliamo l'opzione "Importazione da documenti di orgine" scegliamo il modello di trasformazione che ci interessa, individuiamo il DdT ed infine clicchiamo su Trasporta, così facendo abbiamo fatturato il DdT in precedenza non trasformato.

    NOTA BENE:

    L'opzione "Importazione da documenti di origine" da Standard non è attiva per i modelli di trasformazione da DdT a Fattura riepilogativa, in quanto tale opzione inserisce sulle righe DdT i riferimenti alla Fattura, mentre non inserisce i riferimenti di testata (DO15), quindi il DdT continuerà ad essere riproposto in trasformazione sebbene già riportato in fattura; per attivarla contattare il nostro reparto assistenza per concordarne la modalità operativa.

    Tale opzione è disponibile sia per il ciclo attivo che per il ciclo passivo.

    Il presente articolo si applica a: Gamma Enterprise/Sprint, Alyante Enterprise/Start, versioni 07.00.01.

    Nel folder Allegati un’esemplificazione della procedura (accessibile solo agli utenti registrati).

      Leggi tutto

Se hai qualche problema e non hai trovato la risposta per risolverlo, possiamo comunque aiutarti

Inviaci una segnalazione